Essere manager: come comunicare con i collaboratori

Essere manager: come comunicare con i collaboratori

Saper comunicare con i collaboratori è una delle doti fondamentali del manager di oggi perché aumenta le prestazioni del team e quindi l’efficienza del manager.

Ogni volta che un dirigente comunica con un collaboratore fa formazione.

Quando un dirigente non riesce più a vedere i difetti del suo lavoro, significa che sta perdendo di vista i compiti del dirigere:

  • fare il meglio possibile con ciò che è imperfetto
  • rendersi promotore della crescita dell’azienda
  • essere pioniere nel trovare nuove soluzioni migliorative

Per il manager, tutto ciò non è un problema, è semplicemente il suo compito!

 

Cosa vuol dire essere manager

Essere un manager comporta prendere le decisioni giuste e concentrarsi su:

  • il rapporto con le informazioni
  • il rapporto con gli altri e l’aumento dell’influenza sugli altri
  • il rapporto con sé stessi (non sei quello che credi, ma quello che pensi )

Per aiutare i manager a prendere le decisioni giuste abbiamo preparato un elenco di 4 principi dai quali poter prendere spunto per svolgere efficacemente il ruolo di dirigente d’azienda e migliorare il rapporto con i propri collaboratori:

  • Pretendere da se stessi più di quello che gli altri si attendono. (I collaboratori devono essere fieri di avere un capo attivo e che decide volentieri).
  • Non offendere i collaboratori chiedendo loro troppo poco: i collaboratori sono dei dirigenti in potenza.
  • Offrire partecipazione ai collaboratori più di chiunque altro.
  • Proteggere il collaboratore dandogli la sicurezza della quale ha bisogno per poter conseguire risultati da primato.

Questi principi, applicati alla gestione dei rapporti danno ottimi risultati a tutti i livelli della linea di comando.

 

La mia esperienza di formatore di dirigenti

Nella mia esperienza di coach posso affermare con certezza che tra i manager, in particolare tra i giovani, l’applicazione pratica e scrupolosa dei principi elencati qui sopra risulta essenziale per raggiungere il successo.

Il buon manager fa crescere i propri collaboratori

Fai crescere i tuoi collaboratori e nello spiegare e dimostrare come svolgere il lavoro comportati come un insegnante, offri al collaboratore la possibilità di impratichirsi, rivedendo in modo critico il risultato acquisito e gratificandolo per i suoi successi.

 

Per dirigere al meglio utilizza la motivazione, il riconoscimento e il biasimo

– La motivazione

Per motivare i dipendenti usa il coinvolgimento: ricorda che per il collaboratore la propria idea è sempre più valida della migliore idea del capo, perciò imporre una direzione non è sempre l’azione migliore per far agire il dipendente al meglio. Fa sì che le tue idee vengano accettate perché riconosciute come migliori.

– Il riconoscimento

Il riconoscimento deve essere motivato da fatti concreti altrimenti diventa una presa in giro. Se un manager sarà capace di riconoscere efficacemente, anche il suo biasimo assumerà valore.

– Il biasimo

Il biasimo aiuta, se opportunamente gestito, a produrre miglioramento.
Per gestire al meglio il biasimo suggerisco sinteticamente nel colloquio col collaboratore, questi passaggi:

  1. manifestare atteggiamento positivo nei confronti del collaboratore (es.:“apprezzo il suo impegno”);
  2. esporre il fatto oggetto del biasimo, mantenendosi neutrali;
  3. chiedere il giudizio al collaboratore e tacere (es.: lei pensa che ciò sia bene, giusto? Lei ne è fiero?) e solo dopo che il collaboratore ha espresso un suo giudizio sul fatto passare al punto 4);
  4. riconoscimento: bene, mi fa piacere che ciò sia anche il suo modo di vedere!

Successivamente passare all’azione e:

  1. stabilire un obiettivo concreto: Che cosa propone? (per risolvere il problema).

William Bolitho in “Dodici contro gli dei” disse:

La cosa più importante nella vita non è quella di capitalizzare i propri successi, questo lo può fare chiunque. Veramente importante è saper approfittare delle proprie incapacità.

Cos’è quindi il Management

Incoraggiare e far avanzare gli uomini, senza imporsi.
Valutare l’operato degli altri è soprattutto agire sugli altri positivamente.
Tale processo di buon management può così essere gestito:

  • 1^ fase: lasciare che il collaboratore tracci da solo il proprio quadro (cosa è riuscito particolarmente bene; di che cosa è fiero? Che cosa piace fare?).
  • 2^ fase: aiutare il collaboratore a porsi degli obiettivi concreti.
  • 3^ fase: stabilire insieme, per iscritto, le conclusioni della valutazione.

Conclusione

Sappiamo che essere dirigente d’azienda è un lavoro pieno di sfaccettature che spesso pochi capiscono.
Se vuoi, raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivicosa ne pensi delle nostre soluzioni.

Se pensi che questo articolo contenga degli spunti interessanti, condividilo con i tuoi colleghi, puoi usare la mail o i social network come Facebook o LinkedIn.

E ricorda, se vuoi rimanere in contatto con noi e avere suggerimenti tratti direttamente dai nostri corsi per manager, iscriviti alla Nostra newsletter dedicata ai dirigenti.


Renato Tonon - Titolare di Risorse&Mercato

Renato Tonon

Formatore e coach di manager e reti vendita in importanti aziende nazionali e PMI, con esperienza speciale nella gestione delle risorse umane e nella loro valorizzazione.
Autore di libri e corsi sulla vendita, sul management, sul team working e sulla comunicazione.
Ha collaborato con l'università di Padova.

mail Renato Tonon su Facebook Renato Tonon su LinkedIn Renato Tonon su YouTube Posts di Renato Tonon

-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.