Brand Image

Brand Image: il valore dell’impresa, il valore dell’immagine [parte 2]

Ogni marchio commerciale ha bisogno di avere una brand image chiara e una posizione precisa nel mercato. Oggi scopriamo come definire l’immagine dell’azienda e quali sono i simboli d’identità dell’impresa.

La Brand Image o immagine di marca è un elemento chiave per lo sviluppo commerciale delle aziende perché punta alla rassicurazione del cliente e incentiva un passaparola positivo. I parametri che i Top Brand valutano sono diversi e li ho elencati tutti nella prima parte dell’articolo Brand Image: il valore dell’impresa, il valore dell’immagine.

I vantaggi della Brand Management

È stato dimostrato che una marca che ha ottimizzato i parametri della Brand Image ha concrete probabilità di incrementare la propria quota di mercato e il volume d’affari nel medio e nel lungo periodo.
Il fatto che tale griglia sia diventata un criterio di valutazione dei Top Brands, anche sul mercato finanziario, deve incentivare anche le marche minori all’uso di questi parametri.
Qualsiasi azienda che voglia consolidare, rafforzare e far crescere la propria posizione sul mercato, comprese le micro-imprese con riferimenti in ambito locale, possono avvantaggiarsi dall’uso di tecniche di Brand Management.
Tra le prime operazioni da svolgere c’è proprio lo studio e lo sviluppo della brand image.
La Brand Image, o immagine di marca trova applicazioni nello sviluppo di strategie per la crescita commerciale sia di singoli prodotti che delle aziende.

Come si cresce con la Brand Image

Quando decidi di avvicinarti a un uso più organizzato della Brand Image devi considerare che le componenti principali che determinano il valore di una marca sono:

  • la fedeltà della clientela
  • la notorietà
  • la qualità percepita dei prodotti/servizi
  • le associazioni mentali nella mente del consumatore
    (esempio: a quale tipo di prodotto si associa la marca – rapporto qualità/prezzo attribuiti – personalità – fattore etico).

Pensando alla tua azienda, la domanda che devi farti per avere un vantaggio competitivo verso i concorrenti e assicurarti un futuro di sviluppo e di profitti è: “Quali caratteristiche oggettive ha il nostro marchio, tenendo presente che l’obiettivo è creare sentimenti e atteggiamenti positivi nei confronti del brand?

Per rispondere alla domanda prepara un foglio con tutte le caratteristiche, anche quelle negative. Avere un elenco degli aspetti positivi e negativi del tuo prodotto ti permette di sviluppare un piano per incrementare o esaltare i lati positivi e correggere quelli negativi.

Quando avrai preparato questo schema dovrai farti un’altra domanda: “Come fare a conseguire i risultati di avere uno smart brand che ci assicuri un’invidiabile posizione di mercato?

La Brand Reputation va oltre la leva pubblicitaria

Purtroppo la sola leva pubblicitaria non è sufficiente. Per migliorare la posizione di mercato del tuo Brand sarà chiesto a te e alla tua azienda di fare uno sforzo in più. Devi varare una nuova gestione di marketing e definire un nuovo modo di essere dell’azienda incrementando il suo orientamento al cliente e alla sua soddisfazione.
Per ottenere i risultati prefissi la comunicazione svolge un ruolo essenziale.
Oltre alla comunicazione pubblicitaria devi pensare di coinvolgere le pubbliche relazioni, l’ufficio stampa, il customer care, i servizi post vendita e tutti gli attori che hanno contatto con i potenziali clienti. Tutti devono essere istruiti e concorrere al raggiungimento dell’obiettivo che hai posto.

Nello specifico le pubbliche relazioni servono a fornire un’immagine positiva dell’azienda (simboli d’identità) per assicurarsi il favore e la simpatia di tutto il pubblico: non solo dei clienti ma anche fornitori, dipendenti e collaboratori, partner e finanziatori.

I simboli d’identità dell’impresa

Pensa per un secondo alla tua azienda e a come vengono gestiti il marchio aziendale e il payoff.
C’è coerenza grafica e cromatica o con il tempo certi fattori sono stati trascurati?
Per aiutarti ti faccio un elenco base:

  • biglietti da visita
  • carta intestata e buste
  • gadgettistica
  • personalizzazioni dei mezzi aziendali
  • divise dei dipendenti

Questi sono solo i più basilari tra gli elementi che devono essere coerenti tra loro e impostati con lo stesso criterio, riportando sempre il logo e con una griglia grafica univoca.
Anche l’indirizzo e-mail è un simbolo di identità aziendale come il modo in cui la posta elettronica viene firmata.

Il motivo per cui tutto dell’immagine aziendale deve essere coordinato sta nel fatto che l’azienda deve presentarsi come un corpo unico e trasmettere, in qualunque modo, affidabilità, concretezza, solidità: quando il cliente vede la stessa immagine riprodotta su tutto ciò che riguarda l’azienda comprende che sta interloquendo con una struttura e questo lo rassicura.
Inoltre la coerenza dei simboli d’identità aziendale facilita il ricordo del logo e della marca e contribuisce a rafforzare la componente di notorietà dell’immagine della marca stessa che è l’unico modo per trasformare un marchio in un Brand.

La responsabilità sociale dell’azienda

Alla Brand Image complessiva contribuisce anche ciò che i dipendenti e i collaboratori dicono dell’azienda e comunicano all’esterno – amici, conoscenti, interlocutori occasionali, ecc.
Queste persone trasmetteranno a loro volta ciò che hanno appreso e vanno considerate come elemento attivo nella definizione di un’immagine e questo inciderà sulla reputazione dell’azienda.
Non sottovalutare questo aspetto della Brand Reputation perché influisce molto più in profondità di ciò che si possa pensare.

Conclusioni

Oggi migliorare e definire il valore dell’immagine aziendale è a tutti gli effetti una strategia vincente.
Trascurare l’immagine di marca può portare a perdere la possibilità di crescita del mercato e questa è una cosa che nessun manager vuole.
Se hai domande sulla gestione dei tuoi marchi aziendali puoi scriverle nel box dei commenti qui sotto.
Mi farebbe davvero piacere se raccontassi come la tua azienda gestisce la Brand Image e la Brand Reputation.

Buon lavoro.

 

 


Renato Tonon - Titolare di Risorse&Mercato

Renato Tonon

Formatore e coach di manager e reti vendita in importanti aziende nazionali e PMI, con esperienza speciale nella gestione delle risorse umane e nella loro valorizzazione.
Autore di libri e corsi sulla vendita, sul management, sul team working e sulla comunicazione.
Ha collaborato con l'università di Padova.

mail Renato Tonon su Facebook Renato Tonon su LinkedIn Renato Tonon su YouTube Posts di Renato Tonon

-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.